studio dentistico ciabattoni studio dentistico ciabattoni  
studio dentistico ciabattoni
       
 

studio dentistico ciabattoni

studio dentistico ciabattoni  
  chirurgia-medicina-estetica    
 

La medicina estetica è un settore della medicina che, negli ultimi vent’anni si è gradualmente evoluto, anche se le radici della medicina estetica sono in realtà molto più antiche se si pensa che l’uomo fin dalle origini ha sempre cercato di scoprire nuovi modo di migliorare il suo aspetto e limitare la visibilità dei segni del passaggio del tempo sia sul viso che sul corpo. L’obiettivo della medicina estetica, attraverso metodiche sempre più sicure perché riconosciute dal Ministero della Salute, può essere considerato quello di migliorare il più possibile l’aspetto fisico di un soggetto, rispettando però, almeno in linea di principio, dei canoni sia etici che estetici. Il miglioramento infatti dovrebbe sempre avvenire nel rispetto dell’equilibrio e dell’armonia dell’aspetto di un soggetto, per cui in linea teorica certi tipi di interventi che arrivano a modificare in modo molto profondo l’aspetto di un soggetto facendogli perdere la propria naturalezza, non sono il prototipo esemplare degli interventi di dermatologia estetica, esiste infatti una profonda differenza tra il cercare di attenuare rughe ed inestetismi restituendo plasticità e tonicità alla pelle, ed il trasformare completamente i propri tratti somatici. Prima di esaminare quindi gli aspetti tecnici dei diversi tipi di interventi di dermatologia estetica sarebbe opportuno quindi interrogarsi a fondo su quali sono i risultati che si vorrebbero ottenere e soprattutto le motivazioni per cui si decide di ricorrere a queste tecniche.
Tralasciando gli aspetti etici invece è possibile fare una panoramica generale sui più diffusi trattamenti di medicina estetica e chirurgia plastica:

  • Peeling, che consiste nell’applicare degli acidi sulla pelle in modo da stimolare la caduta delle cellule morte ed il rinnovo cellulare anche degli strati più profondi, e che è un tipo di trattamento che viene usato sia per attenuare le rughe che le cicatrici ed altri tipi di imperfezioni cutanee;
  • I Fillers con Acido Ialuronico, sostanza completamente riassorbibile (ma che regala anche dopo il termine del suo effetto, la regola dello “step-up”: ovvero non si torna più allo stesso punto di partenza ma vige sempre un miglioramento) che serve per riempire gli spazi che il tempo ha lasciato vuoti (rughe e solchi del viso)
  • La Tossina Botulinica, che a dispetto di quanto ancora creduto da molti, è indubbiamente uno degli interventi più semplici, sicuri( riconosciuta dal Ministero della Salute per l’utilizzo in estetica definito come correzione delle rughe della fronte e dell’ iperidrosi ascellare e palmo plantare) ed efficaci da effettuare (è possibile con questa tecnica oltre che ridurre le rughe del volte effettuare dei mini-lifting degli angoli degli occhi e delle sopracciglia)
  • Fili di sospensione: Si tratta di una nuova metodica chirurgica , mini-invasiva per il ringiovanimento del viso , che non richiede tagli , ne bisturi . Consiste nell’impiantare sotto la pelle del viso , per mezzo di un sottilissimo ago , un filo speciale che si autosostiene ,tira e solleva i tessuti sottocutanei .  Si tratta di un filo chirurgico dotato , sulla sua superficie , di minutissime spine che servono ad ancorare e sostenere i tessuti rilassati dall’invecchiamento cutaneo . Non c’e’ piu’ la necessita’ di avere punti di ancoraggio a monte e a valle della regione anatomica del volto da sollevare , una volta posizionato nel tessuto sottocutaneo , dove rimane per sempre , questo filo uncinato continuera’ a lungo la sua funzione di sostegno dei tessuti .Questa tecnica non sostituisce il tradizionale intervento di lifting chirurgico e chiaramente la sua scelta dipende dall’eta’ , dal grado di rilassamento della pelle , dal tipo di cute e sottocute .  Con questa tecnica mini-chirurgica si puo’ intervenire su varie zone del viso come la zona zigomatica , mandibolare , sopraciliare e il collo semplicemente mediante anestesia locale.
  • PRP: L’uso del Plasma Arricchito di Piastrine , è già da anni una realtà e una evidenza scientifica verificata dalla comunità medica mondiale in chirurgia plastica nella cura dei grandi ustionati.  I chirurghi plastici e i loro pazienti, traggono enormi benefici nella rigenerazione dei tessuti attraverso il PRP, ottenendo una guarigione chiaramente superiore sia per la qualità del tessuto, che per la rapidità di guarigione. I chirurghi Maxillo Facciali, conoscono da anni le potenzialità dei Fattori di Crescita Piastrinici PRP (Platlet Rich Plasma) per favorire e stimolare la rigenerazione ossea sia per l’implantologia che per la guarigione di fratture difficili. Eccellenti risultati si hanno anche nella guarigione delle piaghe cutanee nei soggetti diabetici.

 
  dermatologia    
 

È un laser vascolare che emette una luce verde con lunghezza d’onda di 532 nm assorbita dalla emoglobina con una durata d’impulso variabile tra 1-msec.È stato progettato per i seguenti trattamenti:

Lesioni vascolari:

  • Telengectasie (capillari) del volto e del decolletè
  • Rosacea (couperose) , laghi venosi, angiomi rubino, angiomi piani
  • Danni da fotoinvecchiamento , angiocheratomi, angiomi stellari

Lesioni Pigmentate:

  • efelidi.lentigo solari,lentigo senili,cheratosi seborroiche ,macchie caffè-latte

Neoformazioni cutanee (piccola chirurgia dermatologia):

  • verruche,conditomi, fibromi,papillomi,xanatelasmi,cheratosi solari

Il laser vascolare rappresenta la terapia d'elezione per il trattamento dei capillari del volto e per la rosacea (la cosiddetta couperose). Nei confronti di metodiche più tradizionali, quali la diatermocoagulazione i vantaggi sono evidenti.

  • Maggior precisione operativa
  • Maggior salvaguardia dei tessuti circostanti
  • Guarigione in tempi più rapidi
  • Miglior risultato estetico per il minor danno termico
  • Minor incidenza di effetti collaterali
  • Minor frequenza di recidive
  • Minor numero di sedute

Trattamenti
Dopo la seduta può residuare modesto rossore (eritema) sull'area trattata che in breve tempo scompare(1-3 giorni). L'eritema può essere accompagnato da gonfiore ( nel 50-60% dei casi. Anche questo fenomeno ha la caratteristica della fugacità. Per alleviare questi disagi sono consigliate compresse di ghiaccio e/o creme lenitive da applicare sulla zona dopo il trattamento. Più raramente possono manifestarsi erosioni, vescicole e/o croste sottili, (25-30% dei casi). In questo caso la riepitelizzazione richiederà 4-8 giorni durante i quali è consigliabile l'applicazione di medicamenti ad azione cicatrizzante e disinfettante. In alcuni rari casi e per un periodo limitato di tempo (2 -4 mesi) possono residuare aree ipo e/o iper-pigmentate(zone di pelle più chiara o più scura) in corrispondenza delle zone trattate. Eccezionale è la possibilità di cicatrici in sede di intervento. Normalmente il trattamento con il laser non è particolarmente doloroso ed è ben tollerato. L'anestesia locale, di norma, non è necessaria, sebbene ne sia consigliato l'uso su ampie superfici. In questo caso ci si può avvalere di gel e/o creme ad attività anestetica. Il laser KTP ha un sistema di raffreddamento nel manipolo a contatto con la pelle, che può ridurre la sensazione dolorosa.
È assoluto il divieto all'uso di lampade abbronzanti o all'esposizione solare almeni 1 mese prima e durante tutta la fase del trattamento laser. L'uso di farmaci anti-infiammatori quali acido acetilsalicilico e derivati è sconsigliabile una settimana prima e dopo il trattamento. E' consigliabile una settimana prima del trattamento laser l'applicazione di schermi solari ad alta protezione. L'uso di tali schermi, deve essere proseguito dopo l'intervento con il laser per almeno due/tre settimane. Nel caso di pazienti con anamnesi positiva per cicatrici ipertrofiche o cheloidi si sconsiglia il trattamento laser; tali precauzioni saranno estesi nei casi di processi infettivi in atto o infiammatori diffusi. Si sconsiglia, inoltre, il trattamento ai pazienti in terapia con farmaci foto-sensibilizzanti. I pazienti che usano prodotti locali contenenti acido glicolico o acido retinoico dovrebbero sospenderne l'utilizzo, almeno tre giorni prima del previsto trattamento laser

Norme
Durante il trattamento è necessario proteggere gli occhi con occhiali specifici.

 
  studio dentistico dott. Alberto Ciabattoni | corso giuseppe mazzini 99 | 48018 faenza ra italia
tel +39 0546 22 35 8 | f ax +39 0546 28 02 0
p.iva 02476510397- c.f. CBT LRT 73L18B249D | © 2010 | tutti i diritti sono riservati | sitemaps
logo ciabattoni  
studio dentistico ciabattoni studio dentistico ciabattoni studio dentistico ciabattoni studio dentistico ciabattoni studio dentistico ciabattoni studio dentistico ciabattoni